Ecco i nuovi corsi magistrali dell’Università di Catania per l’anno accademico 2019-20

Ecco i nuovi corsi magistrali dell’Università di Catania per l’anno accademico 2019-20

Quest’anno l’ampia e articolata offerta didattica dell’Ateneo si è arricchita con tre nuovi corsi di studio magistrali, di durata biennale: Data Science for Management, Scienze linguistiche per l’intercultura e la formazione, Scienze del testo per le professioni digitali.

Per essere ammessi ad un corso di laurea magistrale occorre essere in possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto idoneo. Occorrono, altresì, specifici requisiti curriculari nonché la verifica di una preparazione personale adeguata.

Il corso di laurea in Data Science for Management (classe LM91- Tecniche e metodi per la società dell’informazione) ad accesso programmato locale, con 65 posti complessivi a disposizione, fa riferimento ai dipartimenti di Economia e Impresa, Ingegneria elettrica elettronica e informatica, Matematica e Informatica ed è tenuto interamente in inglese. Esso intende formare laureati magistrali con elevate conoscenze nei seguenti ambiti: raccolta, trattamento, compressione, archiviazione, sicurezza ed analisi di dati, sia strutturati che non strutturati; linguaggi di programmazione più diffusi per l’analisi dati; statistical learning e analisi statistica dei dati; machine learning, neural computing e deep learning; disegno di DB, anche di tipo “Big Data”.

In altre parole, acquisendo competenze e capacità fortemente interdisciplinari nell’area dell’informatica, della statistica, delle scienze economiche e manageriali, i laureati saranno capaci di analizzare, modellizzare ed affrontare in modo nuovo la complessità delle sfide economiche e sociali, valorizzando l’enorme patrimonio dei dati che gli strumenti tecnologici rendono sempre più disponibili, creando nuovi modelli di business e ottimizzando la gestione delle risorse.

Un’altra attesissima ‘new entry’ è rappresentata dal corso di laurea magistrale in Scienze del testo per le professioni digitali (classe LM43 – Metodologie informatiche per le discipline umanistiche) del dipartimento di Scienze umanistiche, ad accesso programmato con 50 posti disponibili. Esso prevede un percorso di studi innovativo che integra in maniera scientificamente aggiornata le conoscenze legate alla tradizione degli studi umanistici già presenti in Dipartimento (linguistica, filologia, filosofia del linguaggio, storia della scienza, archivistica) e le competenze connesse al flusso di informazioni provenienti dall’universo digitale.

Grazie anche al rapporto proficuo con aziende nazionali e internazionali, che contribuiscono attivamente al processo formativo, il corso si propone di formare specialisti nel trattamento e analisi di dati testuali ed esperti di analisi dell’impatto dell’intelligenza artificiale: figure professionali nuove, per le quali esiste una domanda enorme e crescente a fronte di un’offerta formativa ancora ridottissima.

Per entrambi questi corsi di studio magistrali, la domanda di partecipazione alla prova di ammissione- attraverso cui viene verificata l’adeguatezza della preparazione personale – ed il pagamento della relativa tassa devono essere effettuati entro il prossimo 10 settembre tramite il portale studenti studenti.smartedu.unict.it.

E’ invece a numero non programmato il corso magistrale in Scienze linguistiche per l’intercultura e la formazione (LM39 – Linguistica) che si terrà a Ragusa Ibla, nella sede della Struttura Didattica Speciale di Lingue e Letterature straniere. Anche sulla base di sollecitazioni provenienti da attori locali e della riflessione sulle peculiarità dell’area territoriale, sulla composizione sociale e i mutamenti avvenuti negli ultimi anni, l’Ateneo ha deciso di istituire un corso magistrale in grado di formare figure di elevata specializzazione nel settore della comunicazione e della progettazione interculturale, in un contesto complesso come quello nel quale gravita la SDS iblea.

Il nuovo corso magistrale intende pertanto formare figure di alta professionalità in grado di promuovere percorsi di inclusione attraverso la presa in carico dei bisogni linguistici specifici, accanto a figure più tradizionali come l’insegnante di lingue e di italiano come lingua seconda. In quest’ottica, prepara, inoltre, esperti di redazione di testi, dossier e materiali divulgativo, consulenti letterari, editoriali e operatori culturali con funzioni di promozione e organizzazione di eventi di diversa natura, la cui realizzazione richieda, tra l’altro, la conoscenza di una o più lingue straniere. Il piano di studi prevede inoltre un periodo obbligatorio di tirocinio da svolgersi in enti pubblici o privati, in Italia o all’estero, per accrescere le competenze curriculari acquisite con un’esperienza professionale diretta.

Trattandosi di un corso a numero non programmato, la verifica dell’adeguatezza della preparazione personale avverrà sulla base dell’analisi del curriculum e, ove necessario, di un colloquio individuale. La domanda di ammissione va presentata entro l’11 settembre sempre tramite il portale studenti studenti.smartedu.unict.it.

Redazione StudentiCt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Raccolta differenziata e gestione dei rifiuti a Catania: ecco come funziona

Mar Set 10 , 2019
Attraverso la raccolta differenziata porta a porta o la raccolta stradale, ciascun catanese può effettuare il suo dovere civico, suddividendo i rifiuti in base al materiale. Basta gettare la spazzatura in bidoni appositi, differenziando il riciclabile dall’indifferenziato Differenziando carta, plastica, acciaio e alluminio, organico e indifferenziato. La base della raccolta […]
Raccolta differenziata e gestione dei rifiuti a Catania: ecco come funziona